Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘dolcettini’

E’ vero: scrivo poco. Non aggiorno.
Cambiare casa però è un casino e ho avuto un crollo vertiginoso nella qualità del mio rapporto con il precotto o con il cibo confezionato in genere. Nel senso, con una cucina nuova sei tutto felice di friggere, impastare, mangiare cose che naturalmente ti uccideranno. Però vuoi farle tu. Poi mi è passata, ma ho avuto il trip per gli affettati: ho iniziato ad acquistare speck cotto e crudo, prosciutto cotto, salame friulano, piccante, fesa di tacchino, bresaola, mortadella, porchetta. E a mangiarne in quantità a pranzo, merenda o colazione. Non potevo farne a meno. Quando vivevo con la mia ex ragazza avevamo anche un’affettatrice che però non ho mai usato.
Ex che oltretutto mi starà leggendo e che approfitto per salutare: ciao Joanna Sebastiána Verón Carlos Humberto Paredes Monges Nelson Haedo Letsholonyane Valdez  Reneilwe Marcus Riquelme Hahnemann.

Ah, ho vissuto anche il trip delle centrifughe e dei frullati: ho acquistato -incredibile- un frullatore (un elettrodomestico che in 29 anni di vita non ho mai posseduto neanche quando stavo dai miei: giuro!). Così ho iniziato a frullare tutto: mele, pesche, fragole, ritter sport (non sono ironico), rucola, barbabietole, fruittella (non sono ironico), biscotti, zucche, peperoni, quaglie (non sono ironico), kiwi, ananas, limoni, marlon brando (sono ironico).
Dopo il trip centrifughe ho avuto il trip paste fredde, al trip paste fredde è seguito il trip frittate, al trip frittate è seguito il trip pasta con l’olio e il grana: poi ho avuto una sequenza di sfoghi che parevo uno spot contro il sesso occasionale

Che volete che vi dica, sono un po’ foolish, un po’ hungry, però ho conservato la mia carica di simpatia e di buon gusto.

Siete qui per un’altra ragione immagino, cioé vorreste leggere una recensione: e io. Beh, io potrei tirarmela tantissimo facendo credere che […] e chiudere qui, però ho già fatto le foto, ho già scritto il titolo quindi già sapete di cosa andrò a parlarvi.

Ci provano tutti: a fare i soldi, dico. Inventando slogan, disegnando loghi, architettando chissà quali stronzate per attirare la nostra attenzione. Come però ebbe a sentire quel fattone del piccolo principe, che per rilevanti problemi di socializzazione, schizofrenia sommati all’assunzione di acidi era solito conversare con le volpi: l’essenziale è invisibile agli occhi.
A cosa mi riferisco? Al rosa bauli, parte integrante della fortuna del marchio. Quel colore che racchiude in sé un migliaio di mattine in pigiama con la mano affondata nel cono rosa capovolto, alla ricerca di un pezzo di pandoro da strappare con le mani per tuffarlo nel caffelatte.
La Bauli però non si occupa solo di colombe e pandori ma anche di merendine.
Sigla!

Un’arca volante si posa in una zona rurale, da tale arca scendono dei bambini che si mettono ad abbracciare leoni e orsi.
Ovviamente ci hanno rotto la minchia per un paio di lustri dicendoci che se giocavamo a GTA poi uscivamo fuori a stuprare donne e a rubare macchine, o che avremmo avuto simpatia per il cannibalismo guardando “Il silenzio degli innocenti”, ma qui nessuno s’indigna se i bambini giocano con gli orsi ed i leoni.
I bambini dovrebbero essere consapevoli del fatto che se vanno con i loro MORBIDI AMICI BAULI del cazzo a zonzo in mezzo alla foresta a giocare con leoni e orsi (che generalmente necessitano di due distinti habitat, ma vabbé fa niente), gli stessi poi strapperebbero le loro carni a morsi dividendosi i loro intestini con il branco. E finirebbero in qualche sito splatter ripresi con un cellulare.


Bauli è come al solito impeccabile nella presentazione del prodotto e ci propone questa coloratissima confezione da 8 pezzi con tanti simpatici animali che si sono prestati da modelli per le merendine che andremo ad addentare.
Le versioni dei MORBIDI AMICI BAULI sono due e variano nel contenuto del ripieno: marmellata di albicocca o cioccolato.


(I MORBIDI AMICI BAULI in una foto di gruppo: a parte Bongo che tradisce una qualche forma di demenza gli altri risultano simpatici e -nota di merito- non hanno dei nomi particolarmente banali, come chessò come ELEFANTINO COCCOLINO, LEONINO SVENTRA COLON, che magari potrebbero avere maggior appeal. Si apprezza quindi questa scelta coraggiosa).
In un’altra zona della confezione c’è anche una piccola biografia di ognuno dei nostri MORBIDI AMICI BAULI, però questa zona non l’ho fotografata e sicuramente non mi metto a farlo adesso. Vi dico solo che Bongo viene etichettato come “scimmietta burlona”, insomma un modo carino per avvalorare la nostra tesi dicendo che è un ritardato.

Non so voi ma apprezzo quando all’interno di una confezione di merendine ogni singola merendina ha la propria miniconfezione colorata e non la classica bustina trasparente. Brava bauli. Ognuno dei nostri MORBIDI AMICI BAULI ha il proprio vassoietto di carta!

A parte la grave forma tumorale simile al carcinoma che ne guasta le gote, il nostro MORBIDO AMICO ha un ghigno simpatico. Vorrei capire a quale specie appartiene, ma la patologia di cui è vittima sfortunatamente me lo impedisce.

Il ripieno è molto generoso, il sapore estremamente gradevole. L’impasto si presenta compatto, questo fa sì che il prodotto non produca nessuna briciola. Per essere un prodotto confezionato, anche il profumo risulta notevole.

Ad ogni modo, il compito che Bauli si è imposta con il prodotto in questione è di creare una “merenda nutriente e gustosa, divertente e piena di sorprese”.
Io non ho mai capito questa storia del “divertente”. Molti prodotti da forno dalle forme non convenzionali presentano nella descrizione un riferimento al presunto divertimento che il consumo del prodotto dovrebbe portare.
Hey, lo so che è rivolto ai bambini! E Allora?
Non è che da bambino facessi cose tipo:

– pan di stelle
– tuffo nel latte
– PLONF!
– ahahahaha. ehehehe. pan di stelle.
– pan di stelle
– tuffo nel latte
– PLONF!
– ahahahaha. ehehehe. pan di stelle.
– pan di stelle
– tuffo nel latte
– PLONF!
– ahahahaha. ehehehe. pan di stelle.
– pan di stelle
– tuffo nel latte
– PLONF!
– ahahahaha. ehehehe. pan di stelle.
– pan di stelle
– tuffo nel latte
– PLONF!
– ahahahaha. ehehehe. pan di stelle.

Non me ne fregava veramente un cazzo del divertimento: certo, mi facevo stimolare dai racconti sulla genuinità posti sul retro della confezione, ma non ho mai avuto colazioni divertenti.
Ad ogni buon conto i MORBIDI AMICI BAULI sono un prodotto che mi sento di consigliare. 

Voti!

Packaging: 5/5

Facilità di preparazione: –

Qualità del prodotto: 5/5

Ricordatevi della PAGINA FAN, ci sono delle mie foto nudo e cosparso di cipster.

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: